Salta il contenuto

Stufe a Legna - Creare atmosfera piacevole e accogliente

Le fresche giornate autunnali e le fredde giornate invernali diventano un'esperienza di benessere con le nostre stufe in casa. Il calore accogliente abbinato a una fiamma completamente naturale vi farà dimenticare il freddo.

Stufe a Legna

  • Defro Home Ceres - stufa a legna, 6,6 KW

    efestohome
    Prezzo originale €3.495,00 - Prezzo originale €3.495,00
    Prezzo originale
    €3.495,00
    €3.495,00 - €3.495,00
    Prezzo attuale €3.495,00

    Descrizione Le fresche giornate autunnali e le fredde giornate invernali diventano un'esperienza di benessere con le nostre stufe nelle vostre 4 pa...

    Visualizza tutti i dettagli
    Prezzo originale €3.495,00 - Prezzo originale €3.495,00
    Prezzo originale
    €3.495,00
    €3.495,00 - €3.495,00
    Prezzo attuale €3.495,00
Perché acquistare una stufa adesso?

Perché acquistare una stufa adesso?

Una stufa a legna è la soluzione ideale per mantenere la casa accogliente e calda durante la stagione fredda. Rispetto ad altri sistemi di riscaldamento, una stufa offre numerosi vantaggi. Da un lato, offre un'atmosfera piacevole e accogliente che diffonde un calore confortante e invita a rilassarsi. Inoltre, una stufa a legna permette di riscaldare in modo autonomo, riducendo così efficacemente i costi di riscaldamento.

Altri vantaggi delle stufe a legna in sintesi:

Risparmio economico: costi energetici inferiori rispetto ad altri sistemi di riscaldamento

Una stufa a legna offre molti vantaggi rispetto ad altri sistemi di riscaldamento, uno dei più importanti è il risparmio economico. Rispetto ai sistemi di riscaldamento tradizionali, che spesso hanno costi di gestione elevati, una stufa a legna si rivela estremamente efficiente e conveniente. Inoltre, i costi di acquisto di una stufa a legna sono notevolmente inferiori a quelli di altri sistemi di riscaldamento.

Il legno è anche una materia prima relativamente economica da acquistare, a differenza del gas o del petrolio, ad esempio. Inoltre, con una stufa a legna si è indipendenti dalle fluttuazioni dei prezzi dell'energia.

Rispettoso dell'ambiente

Il riscaldamento a legna è uno dei modi più ecologici per riscaldare il vostro spazio abitativo. Una moderna stufa a legna, che ha un alto grado di efficienza, converte in modo efficiente l'energia immagazzinata nel legno in calore di combustione. Nel processo, viene emessa solo la quantità di CO2 che l'albero ha assorbito dall'ambiente nel corso della sua crescita: l'equilibrio naturale viene mantenuto.

Una fonte di calore aggiuntiva: la stufa a legna come complemento al sistema di riscaldamento esistente

Una stufa a legna può anche servire come fonte di calore supplementare e quindi essere un ottimo complemento al sistema di riscaldamento esistente. Questo è particolarmente pratico nei freddi mesi invernali, poiché la stufa contribuisce ad aumentare la potenza termica.

Cosa bisogna considerare quando si acquista una stufa a legna?

Cosa bisogna considerare quando si acquista una stufa a legna?

Prima di acquistare una stufa, è necessario rispondere alle seguenti domande per assicurarsi che il nuovo caminetto sia il più adatto alle proprie esigenze:

  • Posso utilizzare una stufa a legna nella mia casa (consultando lo spazzacamino competente)? Quali norme di legge devono essere rispettate quando si utilizza una stufa a legna?
  • La stufa deve generare solo calore o anche acqua calda per il circuito di riscaldamento/acqua calda sanitaria della casa?
  • Ho la possibilità di collegare la stufa all'aria esterna o ho bisogno di una serranda d'aria?
  • Quanto è grande l'ambiente da riscaldare e quanta potenza termica deve avere la stufa?
  • Esiste già una canna fumaria o ho bisogno di una nuova canna fumaria esterna?
  • Con quale combustibile voglio riscaldare? La stufa deve funzionare a legna, carbone, pellet, etanolo o gas?
  • Di quali accessori per caminetto ho bisogno oltre alla stufa prima della sua installazione (piastra di base del caminetto, tubi della stufa)?

Quale potenza termica deve avere la mia stufa?

Questo dipende da molti fattori, tra cui le dimensioni della stanza, l'isolamento dell'ambiente e gli altri usi della stufa (ad esempio il riscaldamento dell'acqua), e deve sempre essere determinato individualmente da uno specialista. Tuttavia, una regola empirica dice che si possono riscaldare in media 10 m² con 1 kW - 2 kW. Con un'altezza media di 2,4 m, è possibile riscaldare efficacemente un volume di circa 25 m³. Se la potenza della stufa è troppo grande per la stanza, si può verificare un surriscaldamento; se è troppo piccola, la stanza non sarà completamente riempita di calore.

Tabella area riscaldabile

Tuttavia, questa tabella va considerata solo come una guida approssimativa, poiché non tiene conto di alcuni fattori come la posizione della stufa, il tiraggio della canna fumaria e la qualità del combustibile. È calcolato per un'altezza del soffitto di 2,5 m.

Di quali accessori per caminetti ho bisogno?

Se avete deciso per una stufa e non avete ancora una canna fumaria, il passo successivo è il calcolo della canna fumaria. Lo spazzacamino può aiutarvi in questo. Avrete anche bisogno di tubi per collegare la stufa alla canna fumaria. I tubi da installare e il loro diametro dipendono dai parametri della stufa: anche in questo caso è opportuno rivolgersi a un professionista.

La scelta dei tubi da installare con la stufa è affidata a consulenti energetici e installatori professionisti.

Inoltre, è necessario un set per caminetto, un pavimento ignifugo o un'adeguata lastra di vetro per caminetto. Per proteggersi dalle scintille, può essere utile un paravento.

La prima accensione della stufa: la fase di rodaggio

La prima accensione della stufa: la fase di rodaggio

Avete preso tutte le precauzioni necessarie, ottenuto tutti i permessi, la stufa è stata installata a regola d'arte e tutti i collegamenti sono stati approvati dallo spazzacamino? Allora nulla vi impedisce di metterla in funzione.

Le prime accensioni di una stufa nuova sono chiamate fase di rodaggio, poiché il rivestimento in lacca della stufa non è completamente rodato fino a quel momento. Inizialmente la stufa viene riscaldata a una temperatura moderata, che viene poi aumentata lentamente a ogni accensione. È importante che il forno si lasci raffreddare completamente tra una passata e l'altra (ad esempio, durante la notte). Durante la fase di cottura si sviluppano odori e vapori di vernice, che scompaiono dopo alcune cotture. In questo periodo è normale che si senta un forte rumore di scricchiolii e crepitii. Ripetere il processo di accensione per circa quattro o sei volte o seguire le istruzioni del produttore della stufa.

Cosa devo fare se la stufa non funziona correttamente?

Per funzionare, un caminetto sfrutta l'effetto di tiraggio del camino: L'aria calda sale grazie alla sua minore densità. Questo crea una pressione negativa nella camera di combustione. Questa pressione negativa fa sì che i gas di scarico vengano aspirati attraverso il camino. Affinché si crei la pressione negativa, la temperatura nel camino deve essere superiore a quella esterna. Soprattutto durante la fase di accensione, la temperatura del camino è spesso inferiore a quella esterna. Soprattutto quando la temperatura esterna è molto fredda, il fumo può quindi fuoriuscire dalla stufa durante la fase di accensione.

Suggerimento: è possibile accendere un pezzo di carta nell'apertura di pulizia del camino. Il leggero aumento di temperatura che ne deriva fornirà il tiraggio necessario e una fase di accensione senza fumo.

La causa di un tiraggio insufficiente del camino può essere un raccordo sporco o il camino stesso. Lo spazzacamino vi indicherà l'altezza e il diametro corretti della canna fumaria. Egli deve controllare e pulire sia la stufa che la canna fumaria a intervalli regolari.

Come si pulisce correttamente la stufa?

A intervalli regolari è necessario rimuovere la cenere e pulire il vetro della stufa e il tubo della stufa. Una volta all'anno è necessario controllare i tubi della stufa e le parti più piccole (maggiori informazioni in seguito). Serrare le viti allentate e ingrassare la maniglia e le cerniere della porta con un grasso speciale. Le superfici vanno inoltre pulite con acqua pulita (per i caminetti in acciaio) o con una soluzione saponosa delicata (per i rivestimenti in ceramica, pietra naturale o vetro).

Installazione di stufe a legna

Le stufe a legna sono regolamentate da ordinanze nazionali e regionali che prevedono il rispetto di requisiti minimi predefiniti per l'apparecchio e l'approvazione di ogni installazione da parte di personale qualificato. Le ordinanze definiscono un quadro preciso per l'installazione di stufe a legna nelle abitazioni come fonte principale o secondaria di riscaldamento.

Ogni nuovo apparecchio a legna deve essere installato in Italia da personale qualificato. Successivamente, il professionista deve rilasciare una dichiarazione di conformità dell'impianto, altrimenti non può essere messo in funzione.

Quando si installa un impianto di riscaldamento a legna, è necessario rispettare alcune norme di sicurezza relative alla posizione e alle distanze tra i diversi elementi dell'impianto. La norma UNI 10683 regola l'installazione, l'ispezione e la manutenzione degli impianti domestici a biomassa solida. È inoltre necessario seguire attentamente le istruzioni di installazione riportate nella scheda informativa del produttore. Ecco alcune regole da considerare:

  • Il piano di appoggio dell'impianto deve avere un'adeguata capacità portante; la distanza tra il generatore di calore e i materiali combustibili (pareti in legno, mobili, divani, ecc.) deve essere mantenuta secondo le indicazioni del produttore;
  • L'installazione in locali a rischio di incendio è vietata in ogni caso;
  • Tutti gli impianti di riscaldamento centralizzati, installati in singole unità abitative o in condomini, devono essere dotati di un'uscita dei fumi al di sopra del bordo superiore del tetto;
  • Il percorso dei gas di scarico dal punto finale del raccordo alla canna fumaria deve essere di almeno 2 metri;
  • Il locale deve avere un volume minimo di 15 metri cubi, o come specificato dal produttore.

Anche se oggi sul mercato esistono modelli che richiedono solo poche operazioni manuali, un'installazione errata può avere gravi conseguenze non solo per l'investimento fatto, ma anche per la sicurezza degli occupanti della casa.

Manutenzione delle stufe a legna/pellet

Manutenzione delle stufe a legna/pellet

Una volta terminati i lavori, il professionista è obbligato a rilasciare la dichiarazione di conformità e il manuale d'uso e manutenzione dell'impianto secondo quanto previsto dal D.M. 37/08.

Lo spazzacamino è la persona che si occupa di un impianto a legna e si assicura che venga effettuata la manutenzione ordinaria della canna fumaria e che l'impianto funzioni correttamente. La manutenzione degli impianti a combustibile solido (legna e pellet) deve essere effettuata in ogni caso almeno una volta all'anno. Si consiglia di effettuarla prima o dopo il periodo di riscaldamento annuale. Questo per garantire che il sistema possa essere utilizzato in modo sicuro.

Lo spazzacamino controlla il corretto funzionamento delle canne fumarie, effettua la pulizia e la rimozione della fuliggine e controlla la canna fumaria e il suo libero passaggio. Se necessario, esegue anche interventi di manutenzione straordinaria, come la sostituzione delle guarnizioni usurate.

Inoltre, va ricordato che con la pulizia dell'impianto e della canna fumaria, l'efficienza e l'autonomia della stufa a legna/pellet aumentano notevolmente.

Quali requisiti di legge devono soddisfare le stufe a legna secondo lo stato attuale?

In Italia, la qualità dei generatori di calore a biomassa legnosa è valutata con una classificazione a stelle secondo il Decreto Ministeriale n. 186 del 07.11.2017.

Più alto è il numero di stelle di un impianto, minori sono le sue emissioni e maggiore è la sua efficienza.

Se si opta per gli impianti più recenti, più efficienti e a basse emissioni, di solito si può beneficiare di programmi di sovvenzioni governative. Questo vale per le ristrutturazioni domestiche; in ogni caso, attenetevi alle normative e alle linee guida emanate dalle autorità competenti.

Le emissioni dei nuovi sistemi a biomassa legnosa con una classe di stelle 4 o 5 sono fino a 8 volte inferiori a quelle dei sistemi di vecchia generazione.

Chi installa una stufa o un caminetto a legna di nuova generazione ha attualmente diritto a due diversi tipi di sovvenzioni non cumulabili tra loro

Le detrazioni fiscali, che consentono di recuperare una percentuale degli investimenti effettuati per determinati interventi attraverso la dichiarazione dei redditi: l'installazione di stufe a legna può rientrare nell'Ecobonus (efficienza energetica) o nel Bonus casa (ristrutturazioni) e in entrambi i casi, che sono spiegati nel dettaglio nelle specifiche guide dell'Agenzia delle Entrate, consente il recupero del 50% della spesa

il Conto Termico, uno schema di incentivazione per interventi di efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili: Può essere utilizzato da amministrazioni pubbliche, aziende e privati e copre fino al 65% delle spese per la sostituzione di caldaie a combustibili fossili con caldaie a legna-biomassa.

Spedizione Gratuita

Spedizione gratuita per ordini superiore a: 199€

Miglior prezzo garantito

Vogliamo offrirti il meglio in tutto

Assistenza Clienti

08:00 - 12:00 & 14:00 - 18:00

Tel. +39 0471 34 7234

info@efestohome.com

Pagamenti Sicuri

100% pagamenti sicuri, emettiamo fatture